Dopo Milena Gabanelli nel 2011 sarà nuovamente una donna a ricevere dalle mani di Antonio Ricci il premio FIONDA DI LEGNO 2015, riconoscimento assegnato ogni anno dai Fieui di caruggi di Albenga a chi nella vita ha saputotirare buone fiondate. “Questa primavera – dice Gino Rapa portavoce dei fieuiAlbenga ospiterà un grande evento in rosa: il giro d’Italia. Ci è parso bello che anche la fionda si tingesse di rosa, anche se pensando a Fiorella Mannoia sarebbe forse più giusto dire … di rosso fuoco!”. La cerimonia di consegna avrà luogo al teatro Ambra, nel cuore del centro storico ingauno venerdì 10 aprile alle ore 20,45 e già si preannuncia un tutto esaurito.

Fiorella Mannoia è una delle più grandi interpreti musicali italiane, con una personalità forte e spiccata, il controcanto di una canzone d’autore storicamente identificata al maschile. Tra i testi da lei portati al successo molta attenzione alle problematiche dell’universo femminile. E non a caso i fieui nel pubblicizzare l’evento sottolineano l’importante presenza ad Albenga dello Sportello Antiviolenza “Artemisia Gentileschi”. Ma le motivazioni della Fionda alla Mannoia sono più profonde e riguardano in particolare il suo impegno sociale e civile. “Prima ancora che l’artista famosa e straordinariasottolineano i fieuipremiamo la donna e la cittadina, la sua coerenza e la sua onestà intellettuale”. In effetti Fiorella Mannoia ha spesso usato il palco ed il microfono per denunciare le ingiustizie del mondo moderno, consapevole che la storia non è proprio quella che ci hanno raccontato. E’ sempre stata in prima linea nel dare voce ai più deboli e nella difesa dei popoli derubati, saccheggiati,tenuti lontani dal progresso e abbandonati a loro stessi. Il suo sostegno ad Emergency ha proprio questo valore e significato. “Di lei – aggiungono i fieuiapprezziamo la partecipazione ad eventi benefici, come quelli in favore delle popolazioni dell’Emilia e dell’Abruzzo dopo il terremoto, e l’attenzione sempre rivolta ai giovani, ad alcuni dei quali ha permesso di realizzare i propri sogni. E poi crede e spera, proprio come noi, in una politica basata sul confronto e sull’onestà con rappresentanti dei cittadini di cui non doversi vergognare”.
Insomma pare che anche questa volta la Fionda abbia fatto centro!


VINCITORI DELLE EDIZIONI PRECEDENTI:


2007: Antonio Ricci
2008: Enrique Balbontin, Andrea Ceccon, Fabrizio Casalino
2009: Fabrizio De Andrè (alla memoria ritirata da Dori Ghezzi)
2010: Paolo Villaggio
2011: Milena Gabanelli
2012: Roberto Vecchioni
2012 bis: Don Andrea Gallo
2013: Carlìn Petrini – Slow Food
2014: Don Antonio Mazzi – Fondazione Exodus